Articoli

MILANESI ECCELLENTI. INCONTRIAMOLI! GIANNI SASSI

Una mostra, musica, video, incontri, testimonianze

“Milanesi eccellenti” riguarda la figura di due grandi scopritori e fautori della cultura milanese e italiana nata negli anni Sessanta e che ancora oggi ha una sua profonda eco nei linguaggi espressivi contemporanei.
Si tratta di Gianni Sassi, produttore discografico, fotografo, grafico e organizzatore culturale e di Franco Quadri, giornalista, saggista, traduttore e editore (nel 2021 ricorrono i 10 anni dalla morte). Attraverso la loro attività eclettica hanno sostenuto e fatto conoscere le nuove realtà artistiche degli ultimi cinquant’anni facendo di Milano un punto di riferimento internazionale per l’arte e la cultura di neo avanguardia.

Video della prima parte, dedicata a Gianni Sassi, andata in rete dal 12 al 14 novembre 2020, live streaming dal Teatro Out Off, con la regia di Mino BertoldoStefano Sgarella.  

Puntata 1
Puntata 2
Puntata 3

Video della mostra che documenta l’attività di Gianni Sassi a cura di Faycal Zaouali, esposta nei locali del Teatro. Le foto sono di Fabrizio GarghettiFabio Simion.

MOSTRA AL TEATRO OUT OFF: Gianni Sassi (1938 – 1993) geniale agitatore culturale

Il programma delle serate, condotte da  Manuela Gandini, critica d’arte  e Matteo Guarnaccia, artista e storico del costume,  è di una durata di 2 ore circa e contiene  l’esibizione di musicisti tra i quali: Eugenio FinardiOmar PedriniAndrea TitchMino Di MartinoPablito El DritoRiccardo Sinigaglia e Patrizio Fariselli e il progetto musicale in tre parti  SFIDA AL SILENZIO di Carla Fioravanti, (autrice, ricercatrice e documentarista nel mondo della danza e della vocalizzazione). Partecipano inoltre giovani studiosi, accademici, artisti e personaggi della cultura, molti di loro collaboratori di Gianni Sassi, tra i quali: Felice AccameFederica Boragina, Harriet Carnevale, Biagio CepollaroFabio CirifinoGino Di MaggioMichelangelo Jr. Gandini, Fabrizio GarghettiMonica PallaMarco PhilopatLuca PolliniGianni Emilio SimonettiFabio Emilio SimionLello Voce, Faycal Zaouali. Rolling Sassi. Parole, suoni, immagini di un visionario del secolo scorso

Milano era fertile, dinamica, internazionale, attraversata da correnti e da energie che facevano cortocircuito. Facevano scintille (happening) e lasciavano una scia di forza, socialità, voglia di rivoluzione. Gianni Sassi è, dagli anni Sessanta al 1993, protagonista attivo nella creazione di una città cosmopolita e vulcanica. Indiscusso scopritore di nuovi linguaggi, promoter rinascimentale, inventore del “marketing culturale”: di festival (“Milano Poesia”) e di immagini diverse, inedite, paradossali per l’imprenditoria. Lavora con gli Area, Demetrio Stratos, gli Skiantos, Eugenio Finardi, Franco Battiato. Porta a Milano John Cage e Merce Cunningham, Patti Smith e Juan Hidalgo, Wolf Vostell, Ben, e innumerevoli altri artisti Fluxus. La poesia è una musa affamata e magra e quel suo gruppo di lavoro cui appartengono Nanni Balestrini, Gino Di Maggio, Umberto Eco, Antonio Porta, Gianni Emilio Simonetti, Maria Corti – che fonda “Alfabeta” e “La Gola” e “Grattacielo” – partorisce progetti di cultura, arte, costume, politica, con “pericolosi” e affascinanti incroci disciplinari. Il Teatro Out Off dedica tre giornate a Gianni Sassi affinché la città si risvegli a questa eredità culturale fondamentale. E si rivolge alle nuove generazioni affinché attraverso Sassi possano avere accesso alle idee e all’energia di un’esperienza mai più replicata.

Il Teatro Out Off dedica tre giornate a Gianni Sassi affinché la città si risvegli a questa eredità culturale fondamentale. E si rivolge alle nuove generazioni affinché attraverso Sassi possano avere accesso alle idee e all’energia di un’esperienza mai più replicata.

Manuela Gandini

Un brillante sprovincializzatore della cultura locale

Il Teatro Out Off, sin dalla sua fondazione, muovendosi nei territori della comunicazione artistica avanzata, ha avuto la capacità di intercettare lungo la sua strada di ricerca, una serie di figure eccentriche della cultura milanese. Personaggi significativi e provocatori, pionieri fondamentali nella costruzione di un nuovo modo di intendere il rapporto tra arte e società, con cui ha stretto proficue collaborazioni. A uno di questi, Gianni Sassi, sarà dedicato un grande evento che avrà luogo presso la sede del Teatro, per tre sere, dal 12 al 14 novembre. Una celebrazione che riunirà un nutrito gruppo di artisti e intellettuali, legati a vari momenti della folgorante carriera di questo geniale cospiratore bulimico.  Da Eugenio Finardi a Gianni Emilio Simonetti…

Gianni Sassi (1938-1993), brillante sprovincializzatore della cultura locale, ha applicato il suo sapere – e la sua umanità-   per bypassare le limitazioni dei generi.  Ha connesso e mixato musica, arte, pubblicità, management, ristorazione, grafica ed editoria, militanza politica, ponendo le basi per una sorprendente enclave di critica radicale.  Particolarmente attratto dal rischio, ha sponsorizzato i progetti più inverosimili proposti da artisti, condividendone scoperte e incidenti di percorso. Le sue iniziative sfuggono da ogni omologazione: poster e gadget (“Dipingi di giallo il tuo poliziotto”), festival culturali e culinari (Milano Poesia, Polyphonix), un’etichetta discografica (Cramps), collane di riviste (Humus, Re Nudo, Alfabeta, La Gola), case editrici (Multhipla), un’agenzia pubblicitaria (Al.Sa), il lavoro di talent scout (Franco Battiato, Alberto Camerini, Eugenio Finardi, gli Area di Demetrio Stratos). La capacità malandrina di sdoganare il lavoro delle avanguardie in ambiti imprevedibili (vedi il concerto di John Cage al Lirico di Milano) è stata forse la sua principale cifra espressiva.

Matteo Guarnaccia