cercando il giardino

Stagione 2017-2018

Teatro Out Off, in collaborazione con Liberamente unico e Outsider onlus

Cercando il giardino

Data (e)
dal 7/06/2018 al 9/06/2018
Ora inizio spettacolo
da martedì a venerdì ore 20.45;
sabato ore 19.30;
domenica ore 16.00
Biglietti: €18,00
costo prevendita e prenotazione 1,50/1,00€ (salvo diverse indicazioni per specifici spettacoli)

Riduzioni: 12.00€ (Under 25) - 9.00€ (Over 65 Convenzione con il Comune di Milano)
Convenzioni

cercando il giardino

Polvere di Cechov
progetto e creazione  Barbara Altissimo
adattamento e drammaturgia Barbara Altissimo e Emanuela Currao
con gli attori del Cottolengo di Torino , Irene Ricciotti e Ivana Messina
collaborazione artistica alla creazione Emanuela Currao e Ivana Messina
assistente alla regia Valeria Stefanini
organizzazione e comunicazione Roberta Cipriani

Perché non mettiamo in scena un testo? Come fanno gli attori veri?
Così ha detto Paolo due anni fa al termine del terzo progetto/spettacolo che affrontava tematiche legate a storie personali. Storie di sopravvissuti. Creature speciali.
Sfida accettata ma… quale testo?

“Il giardino dei ciliegi” di Anton Cechov ci è venuto incontro, aprendo il cancello alla sua scoperta. Una lunga ricerca, un lungo cammino. Tortuoso, con cadute e risalite, nuovi incontri, nuove aperture, aria nuova.

E il giardino lo stiamo ancora cercando…

Nel 2011 Liberamenteunico dà vita al progetto “Invisibili” dando voce a chi non ce l’ha, attraverso le arti sceniche ed in particolare col teatro e con la danza.
 Prima tappa di questo percorso è stato il progetto Polvere, condotto dal 2011 al 2015 con gli anziani ospiti del Cottolengo di Torino e che ha dato vita ad una trilogia di spettacoli: Polvere d’Italia per il festival E'(c)centrico presso le Officine Caos di Torino nel giugno 2011; Polvere. La vita che vorrei che ha debuttato a TPE nel novembre 2012; Polvere mundi_Il viaggio ospite presentato per la stagione del Teatro Stabile di Torino nell’aprile 2015.

Questo nuovo lavoro intende inaugurare una nuova fase, per la prima volta la partenza sarà un grande classico del teatro, “Il giardino dei ciliegi”, un giardino che gli attori abiteranno, incontrando frammenti del loro vissuto.

Lo spettacolo fonderà diverse esperienze, assimilando nella costruzione dello stesso i nuovi giovani elementi del progetto IN VERDIS (in collaborazione con varie Cooperative Sociali), un gruppo eterogeneo di età tra i 18 e i 25 anni provenienti da diverse situazioni di disagio sociale.