Fuori Stagione 2018-2019

Teatro Out Off con MM Spa Centrale dell'Acqua

LIQUIDA poesia, musica, teatro

Data (e)
12/06/2019
Ora inizio spettacolo
21:00

EVENTO SOLD OUT

LIQUIDA” è la definizione che il grande sociologo polacco Zygmunt Bauman dà della nostra società esprimendo con questo termine il concetto di un mondo contemporaneo dove tutto si trasforma senza soluzione di continuità e senza più trovare punti di riferimento stabili.

Dalla crisi dell’idea di comunità nella società contemporanea emerge un individualismo sfrenato, dove nessuno è più compagno di strada ma antagonista di ciascuno, da cui guardarsi. Questo soggettivismo ha minato le basi della modernità, l’ha resa fragile, da cui una situazione in cui, mancando ogni punto di riferimento, tutto si dissolve in una sorta di liquidità. La modernità liquida, per dirla con le parole del sociologo polacco, è “la convinzione che il cambiamento è l’unica cosa permanente e che l’incertezza è l’unica certezza”. E la poesia, la musica e il teatro non possono che riflettere questa condizione di inquietudine.

 

12 giugno, ore 21 – Centrale dell’Acqua Piazza Diocleziano, 5  – Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Iscrizione obbligatoria su www.centraleacquamilano.it

ELEMENTO ACQUA – WATER ELEMENT

Acqua corrente a Milano: superficie e profondità. Di Roberto Cacciapaglia

Concerto per la Centrale dell’Acqua di Milano, per pianoforte, postazioni elettroniche, strumenti ad arco – violino, viola, violoncello .

Il concerto per la Centrale dell’Acqua di Milano, per pianoforte, postazioni elettroniche, strumenti ad arco – violino, viola, violoncello – prevederà tra le altre, una composizione pensata per rimanere in tutti gli spazi dell’installazione durante il periodo della mostra, un loop di circa 12 minuti che sarà poi diffuso attraverso altoparlanti nei locali della Centrale e sarà una vera e propria composizione simbolo della Centrale dell’Acqua.

Milano: andremo a cercare e a registrare l’acqua corrente che scorre nei tubi, negli appartamenti, nei palazzi, nelle fontane, l’acqua che vive nella città, per la città. Il suono dell’acqua verrà registrato e passato attraverso sofisticati software che, oltre a elaborarlo, lo invieranno nella cassa armonica del pianoforte e degli archi, in modo da entrare in relazione con gli strumenti, diventando esso stesso strumento, protagonista.

Un sistema di altoparlanti nell’installazione evidenzierà lo scorrere dell’acqua in movimento, l’Elemento Acqua e i suoi tanti modi di esprimere sé stesso attraverso il suono e le forme sonore: lo scorrere, lo zampillare, le gocce, le bolle, le cascate… Tutte queste forme sonore dell’acqua dialogheranno con l’ensemble e di volta in volta con gli strumenti solisti, il pianoforte, il violino, il violoncello: una composizione che farà suonare l’acqua, l’Elemento Acqua che in superficie e in profondità, in tutte le sue forme, popola la città.

Il concerto, oltre che sul suono, comprenderà un lavoro sulla luce, sui riflessi. Quindi suono, acqua, luce, per mettere in evidenza la vita dell’acqua e scoprirne la sua luminosità, la sua trasparenza, anche da un punto di vista sonoro. Il pubblico avrà a disposizione dell’acqua da bere durante il concerto per vivere quest’esperienza pienamente, in superficie e in profondità.

Il concerto e l’installazione punteranno sul senso e sull’importanza dell’acqua come fonte di vita per Milano e per i milanesi, ma anche per l’umanità intera, e per far vivere la forma e la fisicità dell’acqua come suono: il suono dell’acqua in relazione agli strumenti, come pianoforte, violoncello, viola, violino.

L’acqua è sempre con noi ed è una fonte inesauribile di vita, è indispensabile e, anche se la diamo per scontata, fa parte di noi, ma come spesso succede ce ne accorgiamo molto bene solo quando manca.

 

Roberto Cacciapaglia nasce a Milano il 28 dicembre 1953. Si diploma in composizione presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” della sua città sotto la guida di Bruno Bettinelli, dove studia anche direzione d’orchestra e musica elettronica.

Compositore e pianista, è protagonista della scena musicale internazionale più innovativa per la sua musica che integra tradizione classica e sperimentazione elettronica. Da lungo tempo conduce una ricerca sui poteri del suono, nella direzione di una musica senza confini che si esprime attraverso un contatto emozionale profondo.

Negli anni, Roberto Cacciapaglia ha presentato le proprie composizioni nei teatri più prestigiosi e per le istituzioni più famose in Italia e nel mondo, riscuotendo sempre un grande successo nelle sue esibizioni dal vivo.

Fondatore della Educational Music Academy, Accademia musicale che nasce con l’obiettivo di dare voce ai giovani talenti musicali, compositori e interpreti, pianisti e musicisti, affiancandoli per realizzare i loro progetti a livello professionale.

A gennaio 2019 è uscito Diapason il nuovo disco di inediti che dà il via al tour in Italia, Russia e Cina.

Nel 2018 collabora con il rapper statunitense T-Pain nel brano Second Chance (don’t back down), brano in cui Roberto Cacciapaglia è in veste di featuring e compositore con lo stesso rapper.

Sempre nel 2018, inoltre, la stilista Stella McCartney sceglie il brano Sparkling World, tratto dal disco The Ann Steel Album del 1979, per la campagna pubblicitaria della collezione primavera/estate 2018.

Nel 2017, a dieci anni dall’uscita dello storico album Quarto tempo, opera fondamentale che apre la collaborazione con la Royal Philharmonic Orchestra, il Maestro Roberto Cacciapaglia ritorna con una versione inedita e straordinaria, QUARTO TEMPO – 10th Anniversary Edition, doppio CD che, oltre ai 12 brani originali, contiene le interpretazioni per pianoforte solo di tutti i brani e una versione inedita de Il Ragazzo che Sognava Aeroplani.

Il 22 aprile 2017, in occasione dell’EARTH DAY 2017, il Maestro Roberto Cacciapaglia apre e celebra la giornata mondiale del pianeta con un concerto in piazza del Popolo a Roma.

ATLAS, uscito nel 2016, contiene 28 tracce: una collection di brani tra i più significativi della storia musicale del compositore, arricchita e resa unica da due brani inediti – Reverse e Mirabilis – e dall’omaggio al grande David Bowie compiuto attraverso una versione strumentale di Starman, Requiem in sua memoria.

Nel 2015, esce TREE OF LIFE, contenente Tree of Life Suite, composta per il night show dell’Albero della Vita – EXPO 2015. L’album entra subito al primo posto della classifica di musica classica su iTunes, dove rimane in prima posizione per vari mesi. È stata eseguita in concerto con l’Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala presso l’Open Air Theatre per la celebrazione di EXPO 2015.

 

Dopo la pausa estiva la Rassegna LIQUIDA continua

settembre/ottobre 2019

PROGETTO TEATRALE