Fuori Stagione 2017-2018

Renato Dibì

Brel più De Andrè Quando la canzone diventa poesia

Data (e)
19/03/2018
Ora inizio spettacolo
20:45
prenotazioni allo 0234532140 info@teatrooutoff.it

Brel più De Andrè
Quando la canzone diventa poesia
di e con Renato Dibì
Fisarmonica Gian Pietro Marazza, Arrangiamenti e orchestrazione di Roberto Negri

Biglietti: 15 euro

Primo Tempo: “IL MIO JACQUES BREL” Ci sono tanti figli di Jacques Brel nel mondo della musica e tanti soprattutto in Italia, nella cerchia della canzone d’autore; figli d’arte e di spirito di un grande poeta, di un musicista sensibile e fuori da ogni schema.

Brel, al contrario di tanti francesi, come Montand, Aznavour, Becaud e altri, non è mai stato lanciato in Italia sul mercato discografico, ma il debito con lui lo abbiamo pagato qualche anno più tardi e ancora più grande, perché ha influenzato tutti i nostri più attenti e sensibili cantautori.

Arrivò come accadono i piccoli prodigi, arrivò quel piccolo gioiello, quel “Ne me quitte pas” e parve a molti che una ventata di nuova poesia fosse entrata nella canzone.

RENATO DIBI’  propone in italiano un recital che riesce a portare tutta la struggente passionalità di Jacques Brel, sia per l’impatto e l’ambiente poetico, sia per la fedeltà nella traduzione dei testi.

Nel Secondo Tempo,  DIBI’ propone alcune delle canzoni più belle e significative di ” FABRIZIO DE ANDRE’ ”  uno dei capisaldi della canzone d’autore italiana. Le sue esibizioni dal vivo furono rare. Accostatosi ai grandi autori d’oltralpe, in particolare a Georges Brassens, ha dimostrato che attraverso la canzone si potevano anche raccontare storie fino a quel momento riservate agli scrittori e ai poeti.

Non capita spesso ma è quanto ci offrono Renato Dibì, da tempo considerato il miglior interprete italiano degli Chansonniers e il M° Gian Pietro Marazza, fisarmonicista di grande eclettismo e sensibilità; artisti forgiati alla scuola milanese, la più illustre d’Italia, la più affine alla scuola francese.