, ,

“LIQUIDA” – Poesia, Musica, Teatro alla Centrale dell’Acqua

23/09/19 - 14/10/19
Ora:21:00
Teatro Out Off per MM Spa

"LIQUIDA" - Poesia, Musica, Teatro alla Centrale dell’Acqua

Teatro Out Off per MM Spa - Sezione teatro a cura di Lorenzo Loris e Roberto Traverso -Dopo la prima parte della rassegna LIQUIDA che ha portato a maggio alla Centrale dell’acqua alcuni tra i massimi poeti italiani (Milo De Angelis, Maurizio Cucchi, Umberto Fiore, Giancarlo Pontiggia), e a giugno un concerto del musicista apprezzato in tutto il mondo, Roberto Cacciapaglia, si apre tra settembre e ottobre la seconda parte della rassegna che prevede quattro monologhi di tre autori italiani (Testori, Tondelli, Baldini) e del grande poeta americano Lawrence Ferlinghetti che compie quest’anno 100 anni. Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili, prenotazione obbligatoria.
Vai alla scheda

Nuovi Incroci 2a Edizione

25/09/19 - 29/09/19
Ora:20:00
Biglietti: €10,00 + prevendita
Acquista online
Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi in collaborazione con Teatro Out Off

Nuovi Incroci 2a Edizione

Rassegna di spettacoli dedicati ad autori stranieri contemporanei Realizzata con la CS di teatro Paolo Grassi, in collaborazione con PAV – Fabulamundi Playwriting Europe Beyond BordersI tre testi messi in scena saranno: "Contro il progresso" di Esteve Soler (Spagna) "Milkyway" di David Košťák (Repubblica Ceca) "Non rimpiango nulla" di Csaba Székely (Romania)
Vai alla scheda

Contro il progresso

25/09/19
Ora:20:00
Biglietti: €10,00 + prevendita
Acquista online
Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi in collaborazione con Teatro Out Off

Contro il progresso

di Esteve Soler (Spagna) regia di Emanuele Giorgetti con Letizia Bravi, Marco Cacciola, Riccardo Vicardi tutor di regia Claudio AutelliContro il Progresso è uno studio volto a mettere in luce gli aspetti negativi del progresso, quali l’assuefazione delle masse, l’azzeramento del pensiero individuale e l’incremento di paure collettive. Tutto ruota attorno alla spersonalizzazione dell’uomo contemporaneo e alla sua sempre crescente mancanza di empatia autentica.
Vai alla scheda