Landscape - TeatroOutOff stagione 2017/18

Stagione 2017-2018

World With a View in collaborazione con Teatro Out Off e Pinter mon amour

Landscape

Data (e)
dal 10/10/2017 al 15/10/2017
Ora inizio spettacolo
20:00 da martedì a sabato ; domenica ore 16.00

Prima Nazionale

di Harold Pinter
traduzione di Alessandra Serra
regia Alessandro Averone
con Christine Reinhold, Derek Allen
scenografia Mauro Radaelli
costumi Nicoletta Ceccolini
creazione video Iaquone Attilii studio

musiche Mimosa Campironi
luci Claudio De Pace
illustratore Roberto Ronchi
grafica Veronica Wolff

PINTER WEEK – dal 10 al 15 ottobre
In occasione dell’anniversario della nascita di Harold Pinter, Teatro Primo Studio e Pinter Mon Amour in collaborazione con Teatro Out Off dedicherà al premio Nobel per la letteratura un fitto programma di eventi: spettacoli, rappresentazioni teatrali, proiezioni cinematografiche e letture di poesie.

Il 10 ottobre, subito dopo lo spettacolo, durante l’aperitivo al Bistrot del teatro, per l’anniversario della nascita di Pinter leggeranno poesie, discorsi e testi del Premio Nobel:  Alessandro Quasimodo (attore, primo interprete ne “Il compleanno” 1973), Lorenzo Loris (attore, regista), Luca Sandri (attore, regista), Monica Bonomi (attrice), Piero Nicosia (attore, regista), Derek Allen (attore).

La serata proseguirà con una cena a buffet (25 Euro, vini inclusi all’altezza delle opere di Pinter!).

Una coppia, sposata da lungo tempo, si ritrova seduta in una cucina. Marito e moglie evocano il passato. Nella scelta e desiderio di non voler comunicare -se non attraverso i propri ricordi- Beth si ritrova in un tempo dove essa stessa si confonde tra essere osservatrice di se stessa anni prima, ed essere protagonista degli stessi eventi. Chi è la l’uomo dei suoi ricordi? Che cosa è successo? Dove sta andando? Duff attraverso i suoi ricordi cerca di riconquistare la moglie, con la concretezza che marca quella diversità tra poesia sensualità e ricordi nel mondo femminile, e la praticità fisicità a volte violenta del mondo maschile. Entrambi sofferenti dell’accorgersi, o rivelarsi, irrevocabilmente diversi l’uno dall’altro e di scoprire o rivelare i bisogni irreconciliabili di due mondi separati.

NOTE DI REGIA

In “Paesaggio” Pinter ci accompagna nel territorio scomodo e, a tratti, inquietante che si nasconde nelle pieghe nascoste del rapporto di coppia.

Un viaggio attraverso le anse di ciò che rimane segreto e inespresso, celato sotto strati di quotidianità.

La paura e l’incapacità di ri-vedere il proprio partner incatena Duff e Beth ad una routine che diventa una vera e propria gabbia, uno spazio limitato e limitante dal quale inevitabilmente sporgersi verso l’esterno. Verso quel luogo privo di contorni definiti abitato dal proprio inconscio che prende la forma delle nostre paure e dei nostri desideri inconfessabili.

A World With a View è un Laboratorio di produzioni teatrali e documentari d’inchiesta fondato da Christine Reinhold per proseguire e approfondire il lavoro iniziato nel 2004 con “Teatro Primo Studio – Film Beyond”.

Un luogo dove linguaggi diversi si incontrano per posare uno sguardo differente sulla realtà che ci circonda.

La ricerca di una verità nel teatro come nel documentario e la scelta di tenere vivo un pensiero consapevole comune ad entrambi, ha portato all’unione di questi due universi dove l’evocazione dell’immagine e dell’arte visiva si fonde con la realtà del palcoscenico, la luce del proiettore con il buio della sala, il muoversi di fotogrammi con il respirare degli attori.

Per condividere storie, sul palcoscenico come sullo schermo. Storie necessarie per comprendere il mondo.

La scelta degli autori teatrali è principalmente rivolta ad Harold Pinter che ha sempre saputo guardare al palcoscenico da tutte le sue angolazioni. Scrittore, drammaturgo, regista, attore e autore di sceneggiature di film, poeta… uomo senza tempo e cronista del suo tempo, Pinter è stato capace di unire le diverse “arti” per raccontare gli avvenimenti della storia contemporanea e affrontare le eterne problematiche dell’umanità.